adriano gilardone Docente di Statistica Matematica Excel Spss sfruttare excel consulenze statistiche lezione videocorsi

Come creare un quiz su Google Moduli

YouTube video
Postato il 26 Agosto 2022
Tag

Se hai bisogno di creare un quiz online, ma non sai come fare, la risposta è molto semplice: puoi utilizzare Google Moduli. I passaggi che ti mostrerò sono gli stessi da seguire per creare test utili in vari ambiti come la scuola, il costumer care, e tanti altri settori: uno dei vantaggi di Google Moduli è, infatti, la possibilità di personalizzare il proprio documento, in modo che si adatti perfettamente allo scopo.

Nell’articolo precedente, ti ho spiegato in modo dettagliato come creare un questionario su Google Moduli, utilizzando le diverse tipologie di domande per ottenere le informazioni di cui hai bisogno. Quindi, se non hai mai usato questa app di Google, ti consiglio di leggere prima l’articolo di cui ti ho appena parlato, perchè ti servirà come guida per muoverti con facilità dentro Google Moduli.

Se, invece, hai già creato dei questionari su questa piattaforma, vediamo insieme come creare un quiz.

Come creare il quiz

Come primo passaggio, apri semplicemente un nuovo modulo, come se dovessi creare un sondaggio. Modifica il titolo e la descrizione, inserendo tutte le informazioni necessarie. 

Ti consiglio di creare un titolo che sia breve e chiaro, che descriva il tema del quiz, e anche di inserire nella descrizione i metodi di compilazione del test, così da agevolare le persone che risponderanno.

Se fino a qui il procedimento è stato lo stesso della creazione di un sondaggio, il prossimo passo è quello che modificherà l’impostazione del form, trasformandolo in un quiz.

Molto semplicemente, nella sezione Impostazioni (che trovi nella parte superiore vicino a Domande e Risposte) clicca su Trasforma in un quiz: in questo modo, ti compariranno diverse opzioni che ora vediamo, così da poter personalizzare il tuo documento.

Come trasformare il documento in un quiz

Come impostare il quiz

Pubblica voti

Una delle finalità principali dei quiz è quella di creare verifiche e test (e per questo più avanti nell’articolo ti spiegherò non solo come creare questo quiz partendo da Classroom, ma anche come assegnarlo ai tuoi studenti e correggerlo), velocizzando il calcolo del punteggio finale.
Tuttavia, anche se Google Moduli imposta automaticamente l’opzione Subito dopo ogni invio, calcolando e pubblicando il voto di ogni quiz nel momento in cui viene consegnato, io ti consiglio di scegliere Successivamente, dopo la revisione manuale. Questo perchè potrebbero essere presenti domande aperte, con risposte da controllare prima di dare la valutazione finale.

Impostazioni di invio

Impostazioni di chi risponde

In questa sezione devi togliere l'opzione Domande senza risposta, perchè andrebbe a mostrare direttamente se la risposta data è sbagliata, prima ancora dell'invio del test.
Per quanto riguarda, invece, Risposte corrette e Valori in punti, puoi decidere se tenere o modificare queste opzioni a seconda di come preferisci, perchè non vanno a inficiare sulla qualità del test o sulla facilità, per te, nel reperire le risposte o modificare il documento. 

Impostazioni delle risposte

Valore in punti predefinito per le domande

Anche questo punto, ovviamente, dipende da come vuoi impostare il test. Modifica il valore per impostare il punteggio predefinito di ogni domanda corretta, tenendo a mente che, in ogni caso, puoi modificare singolarmente ogni quesito nel caso fossero più importanti e quindi avessero un valore maggiore nel test.

I valori di ogni domanda

Risposte

La sezione Risposte è uguale a quella predefinita da Google Moduli per i questionari, però ci sono due punti che ti consiglio di modificare. Il primo è Raccogli indirizzo mail, perchè in questo modo avrai gli indirizzi di coloro che ti rispondono, mentre il secondo è Limita a 1 risposta, fondamentale soprattutto se stai creando una verifica. Le altre opzioni, invece, puoi evitare di toccarle.

Impostazione risposte del quiz

Presentazione

Come puoi notare, nella sezione Presentazione l'opzione Mostra link per inviare un’altra risposta è disabilitata, proprio perchè abbiamo impostato il limite a una risposta. Le opzioni rimanenti sono facoltative, cioè anch’esse puoi decidere se cambiarle o no a seconda di come preferisci, ma non sono fondamentali per la creazione di un buon quiz.

Come impostare le domande

Passiamo ora alle diverse domande. Anche qui, se non hai ben chiaro quali sono le diverse tipologie di domande e a quali finalità rispondono, è meglio se prima leggi l’articolo dedicato a come creare un questionario su Google Moduli, dove sono spiegate singolarmente in modo dettagliato.  

Puoi creare le tue domande in tanti modi, tra cui differenti software. Nel video in cima all'articolo ti mostro come gestire una base di dati in Excel, che ti aiuterà ad avere uno schema organizzato e dettagliato.

Un consiglio che posso darti è di sfruttare al meglio le potenzialità che Google Moduli ti offre, soprattutto mentre stai decidendo come impostare il tuo test. Un esempio che voglio farti è, molto semplicemente, utilizzare la funzione che ti permette di inserire delle immagini. In questo modo, potrai creare domande che abbiano dei riferimenti visivi, che possono essere molto utili per creare quesiti specifici. Un'altra funzione che potrebbe essere interessante sfruttare è l'inserimento di video, per aggiungere delle domande che facciano riferimento a quanto visto nel filmato.

Una volta capito come vuoi impostare il tuo test, passiamo ora a vedere insieme quelle parti specifiche delle domande legate al quiz. Ricorda che Google Moduli salva automaticamente ogni modifica che inserisci, quindi non dovrai preoccuparti di perdere il tuo lavoro.

Chiave di risposta

Cliccando su Chiave di risposta, potrai impostare le risposte corrette per ogni domanda, e anche quanti punti valgono le differenti risposte.

Chiave di risposta

Dare un punteggio

Cliccando sulle frecce potrai modificare il punteggio delle risposte di 1 punto alla volta, quindi 1, 2, 3, ecc. Se però volessi, ad esempio, inserire i mezzi punti, puoi modificare manualmente la casella.

Impostare i punti

Aggiungere un feedback

Per ogni risposta puoi inserire anche un feedback sia per le risposte esatte che per quelle errate, cioè un commento che verrà visualizzato una volta risposto. 

Aggiungere il feedback

Inserire le risposte corrette

Se nel tuo quiz sono presenti Paragrafi, che prevedono una risposta lunga, ti consiglio di non impostare una chiave di risposta, mentre se utilizzi Risposta breve non potrai, ovviamente, selezionare una risposta giusta ma dovrai inserirla manualmente. Questo è uno dei motivi per cui ti ho consigliato, inizialmente, di revisionare manualmente i risultati prima di inviare la risposta, proprio perchè è più semplice che inserire sul modulo tutte le differenti possibilità di risposta corretta.

Per farti un esempio, se la risposta corretta a una tua domanda con Risposta breve fosse "Lombardia", dovresti inserire Lombardia con la L maiuscola, ma anche "lombardia", con la L minuscola, altrimenti Google Documenti non riconoscerebbe la risposta come corretta. Inoltre, ogni errore di battitura (es. "Lonbardia") verrebbe, come puoi intuire, segnato come risposta sbagliata. Per questo, quando hai domande che richiedono l'inserimento di una risposta e non una selezione, è sempre consigliabile evitare l'invio automatico dei risultati.

Infine, puoi anche segnare una risposta corretta e contrassegnare tutte le altre risposte come non corrette.

Contrassegnare le risposte

Come creare il quiz su Classroom

Come creare il quiz

Puoi creare un quiz direttamente da Classroom, così da poterlo poi con semplicità assegnare alla classe che deve farlo.

Il primo passaggio è selezionare il corso a cui devi assegnare il test (oppure crearne un nuovo), per poi cliccare su Lavori del corso, Crea, e selezionare Compito con quiz

Creare un quiz su Classroom

Potrai quindi dare un titolo al tuo test e anche inserire le istruzioni su come effettuarlo. Appena sotto, potrai o cliccare su Aggiungi, andando ad inserire una verifica precedentemente creata, oppure ancora Crea, e selezionare Moduli. A quel punto sotto ti comparirà una casella, chiamata Blank quiz, che ti rimanderà direttamente ad un documento vuoto di Google Moduli, che potrai modificare nei modi che abbiamo visto in questo articolo. 

Come impostare il quiz e assegnarlo

Una volta concluso il quiz, che verrà salvato automaticamente su Drive, puoi ritornare su Classroom. Sulla destra, vedrai il pulsante Assegna, e sotto troverai le diverse sezioni da compilare come, ad esempio, la classe a cui è destinato, la scadenza, o l’argomento.

Modificando queste sezioni, potrai inserire la classe a cui assegnare la verifica, decidere se è rivolta a tutti gli studenti o solo ad alcuni, selezionare una categoria di voto, se ne abbiamo assegnate, e anche indicare qual è il punteggio massimo che può essere raggiunto con questo test.

Infine, come accennato, possiamo anche impostare data e ora di scadenza per consegnare la verifica, e specificare l’argomento su cui sarà.

Una volta conclusa questa parte, cliccando su Assegna potrai assegnare la verifica, oppure programmarla in modo che si pubblichi automaticamente ad un giorno e ora che imposterai al momento, ma anche salvare la bozza o eliminarla.

Nella sezione Lavori del corso troverai la verifica, che potrai anche modificare: se, inoltre, le avrai assegnato un argomento specifico, la troverai nella parte dedicata a quest’ultimo.

Come vedere le risposte su Classroom

Una volta pubblicata la verifica e ricevute le risposte degli alunni, come si vedono le risposte? Vediamo insieme i passaggi.

Per visualizzare le risposte di uno specifico compito, clicca su Apri cartella per il compito, e poi sul nome del compito da visualizzare. Altrimenti, puoi accedere al corso di cui fa parte la verifica, direttamente dalla homepage di Google Classroom, selezionare la scheda Lavori del corso, e poi cliccare su Cartella Drive del corso, dove troverai il compito da correggere.

In questo modo, potrai anche controllare quali studenti hanno già consegnato il compito e quanti, invece, ancora devono farlo.

Una volta trovato il compito che stai cercando, seleziona Risposte e scegli l’opzione Individuale. A questo punto, nel menù a tendina che ti comparirà vicino alla voce Riepilogo, potrai selezionare l’indirizzo e-mail dello studente del quale vuoi visualizzare le risposte.

Infine, per correggere il compito, potrai inserire i commenti nei campi Aggiungi feedback singolo, che troverai per ogni singola risposta, e cliccare sul pulsante Pubblica punteggio. Potrai anche scegliere se inviare la correzione al singolo studente o anche ad altri alunni, e, selezionando Invia e-mail e pubblica, potrai pubblicare la correzione e inviarla tramite e-mail allo studente.

Ripetizioni private

Ho intrapreso una interessante collaborazione con il sito di TROVAPROF.IT

Questa start-up mette in relazione studenti che cercano lezioni private con professori di qualsiasi materia. Se stai cercano delle ripetizioni per le materie che non tratto io, allora ti consiglio di fare un salto su TROVAPROF.IT, un portale completamente gratuito per dare o ricevere lezioni private.

Iscriviti alla Newsletter

Se hai bisogno d’informazioni che non hai trovato nella sezione servizi o dei video corsi, scrivimi un messaggio o chiamami.
Domande, prezzi, richieste, delucidazioni...tutto quello che ti serve. Cercherò di risponderti entro le 24h.
Newsletter

Consenso al trattamento dei dati
Utilizzerò i tuoi dati (nome ed indirizzo mail) solo per inviarti gratuitamente via mail la newsletter mensile. Niente spam, niente scocciature, ti disiscrivi in un click quando vuoi.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram